In che modo vanno consumati frutta e verdura?

Continuano i consigli utili della dietista Gabriella Pasini per prepararci ai pranzi e alle cene del periodo natalizio con una buon alimentazione.

In che quantità e sotto quale forma vanno consumati questi ottimi alimenti? Questo è l’ altro aspetto della sana alimentazione anche festiva da valutare.

La verdura e la frutta devono essere scelte tra quelle di stagione e non tra le primizie, perché il miglior apporto nutritivo è quello di verdura e frutta a giusta e completa maturazione.
L’ inverno, come tutte le stagioni, dà una tale varietà di verdura da non avere che l‘ imbarazzo della scelta e perciò utilizziamola per condimenti dei primi piatti o delle pietanze a base di pesce e carne, come contorno in quantità abbondanti e, se avessimo esagerato ad uno dei due pasti giornalieri, usiamola anche come pasto “leggero” ad esempio: cardo a fette cotto al vapore e ripassato in padella antiaderente con sugo di pomodoro al naturale oppure zucca cotta con abbondante acqua e mezzo bicchiere di vino bianco in padella antiaderente poi schiacciata ed amalgamata con olio di oliva extravergine crudo e servita anche come contorno o condimento di orzo o riso; il tutto accompagnato da fette di pane o polenta abbrustoliti, sempre utilizzando una padella antiaderente

La verdura può essere consumata cruda o cotta, al vapore o in padella antiaderente, ma sempre senza usare olio, che opportunamente va aggiunto a cottura ultimata.
Il beneficio del consumo di verdura e frutta nel periodo natalizio è davvero indispensabile per l’ apporto di sali minerali biodisponibili e cioè utilizzabili dall’ organismo umano al meglio per l’ attività metabolica con conseguente aumento del benessere fisico e psichico. Infatti in questo periodo si abusa di cibi proteici ( vedi pietanze), grassi e zuccheri semplici, quando non anche di alcool e si pratica il moto molto scarsamente!

Come la verdura è anche la frutta con lo stesso ottimo valore nutritivo in acqua, sali minerali e vitamine, ma la frutta contiene anche un elevato contenuto di zucchero semplice sotto forma di fruttosio e perciò anche un notevole apporto calorico. Per la frutta infatti va controllato accuratamente il peso giornaliero anche in rapporto al consumo di miele, zucchero, marmellata, gelati, dolci e lo si può considerare al netto anche pesando il frutto senza averlo pulito, perché lo scarto rappresenta circa il 5/10 % per la maggior parte della frutta, eccezion fatta per: ananas e banana, che vanno pesati dopo averli sbucciati.

Si consiglia di distribuire la frutta quotidiana nella giornata, prediligendola come spuntino tra un pasto e l’ altro per sfruttarla al meglio e per evitare altri spuntini ipercalorici. La frutta fornisce energia di pronto impiego ed è comoda e di facile consumo; la si può mangiare intera, a pezzetti come insalata di frutta o macedonia, senza zuccherarla o condirla con succhi vari per non sciupare il suo gusto e la sua dolcezza tanto gradevoli, o anche come frullato o centrifugato, ma in questi due modi si perde una parte delle fibre tanto utili per il nostro microbioma intestinale così delicato specialmente se sottoposto a pasti prolungati e spesso troppo ricchi quantitativamente e squilibrati qualitativamente.


Data pubblicazione: 26/12/2016

Prenotazioni e Informazioni

E' possibile prenotare i servizi del Polo Sanitario Opera di Santa Teresa sia tramite CALL CENTER al numero 0544.38513 o tramite modulo web attivo tutti i giorni e a tutte le ore.


INFO E PRENOTA ONLINE
Compila
APERTO TUTTI GIORNI
24 ORE SU 24
CALL CENTER
0544.38513
Lunedì - Venerdì 7.30-19.30
Sabato 7.30-13.00

News

Offerte